martedì 17 giugno 2008

Villa Ventosa


Ho finito di leggere questo libro, Villa Ventosa. Devo dire che è carino. Non un gran capolavoro letterario, questo no, però molto simpatico e decisamente adatto a passare un pò il tempo. L'avevo comprato non mi ricordo neanche più quanti anni fa (ha ancora il prezzo in lire il che è tutto dire: 26000 £ eheh), e lo comprai perchè mi piaceva il titolo. Mi faceva venire in mente la mia casa, sempre sotto vento. Non guardai neanche la trama, lo presi e basta; non bado a spese quando si tratta di libri! Poi è rimasto nella libreria a prender polvere per un sacco di anni, perchè non avevo mai voglia di leggerlo. Invece qualche giorno fa ho deciso di ripulirlo e di leggerlo, non so, mi andava. Si è rivelato appunto carino, e tra l'altro ho scoperto una cosa che proprio non sapevo. Vado infatti a leggermi sulla copertina la vita di questa autrice, tale Fine, e scopro che ha scritto Un padre a ore (Mrs. Doubtfire)! Incredibile, non avevo la più pallida idea che uno dei miei film preferiti dell'infanzia (direi pure anche di addesso LOL) fosse basato su un libro! E invece...pensa te! Tra l'altro quando stavo cercando l'immagine della locandina del film in rete ho visto che è del 1993. Del 1993????? Ma sono già così vecchia?!? Non ci voglio credere!
E inoltre, la bravissima Sally Field, la moglie di Daniel nel film (mi ricordo anche come si chiama, chissà quante volte l'ho visto sto film!) interpreta ora la parte della mamma in Brothers & Sisters...vabbè non c'entra niente, però mi era venuto in mente anche questo...

Via, ora vado a prendere la scorta di gelato e mi fiondo dalla Simona così si guarda Italia - Francia in compagnia. Che partitone che ci aspetta...speriamo bene...e soprattutto speriamo che non si picchino, perchè, come si dice dalle mie parti, la veggo buia!!!

PS Sotto consiglio di Sergio ho inserito a lato la Cbox...se qualcuno ha voglia di scrivere è il benvenuto!

6 commenti:

Caterina ha detto...

GRANDISSIMI!!!!! Francia a casa!!!!!

Federica ha detto...

meno male... anche se con la spagna la vedo dura!!

anche se questo film ha 15 anni resta uno dei miei preferiti... pensa che mi ricordo di averlo viso anche al cinema al mare quando ero piccola... e l'ultima volta è stat sabato scorso!

Caterina ha detto...

@Federica: speriamo bene con la Spagna dai, sappiamo giocare bene quando vogliamo!
E' vero, c'era anche sabato il film, ma ne ho visto solo un pezzettino perchè poi sono uscita...la mia scena preferita è quando fa tutte quelle telefonate con le voci diverse! ahah, e chiaramente il cartone animato all'inizio!
Un bacio

Giovenale Nino Sassi ha detto...

Spesso accade che un medico abbandona la professione per dedicarsi interamente alla letteratura. Penso ad Archibald Joseph Cronin.
Ricapitolando… prima diventi medico – chirurgo, eserciti la professione … poi, come Cronin che dopo essere entrato in contatto con gli uomini e le donne delle miniere del Galles decise di raccontare quella realtà sociale…. Diventi scrittrice…. Ma prima devi diventare medico.
Sei molto brava … è innata, direi naturale, la tua capacità di raccontare.

ps
con la Spagna è dura .. ma possimo vincere e se accade ... non ci posso pensare.

Caterina ha detto...

@Nino: ringrazio per i complimenti (inchino) eheh :-D
Immagino che se mai un giorno mi venisse voglia di scrivere potrei farlo. chissà...
Un abbraccio

Sergio ha detto...

Anch'io ho rivisto un pezzetto del film..è un bel film con un grande attore!